Islam: Inaccettabile Un Mutuo o Prestito con Interessi

islam.jpg

Il Corano e la tradizione orale vietano categoricamente il prestito a interesse, qualunque sia l’interesse applicato e lo scopo del prestito, affermando che non c’è distinzione fra prestito a interesse e usura.

Il guadagno è legittimo se associato ad un rischio, che deve essere un rischio d’impresa. Esiste anche un rischio finanziario, ma la tradizione porta a un’interpretazione condivisa che legittima un profitto sul denaro soltanto a fronte di un rischio d’impresa e di un investimento produttivo (in beni e servizi).

Il diritto islamico vieta sia l’applicazione di interessi passivi che di interessi attivi. Per cui i musulmani non percepiscono alcun guadagno dai risparmi depositati in banca su un conto corrente.

Ciò è un incentivo alla circolazione della moneta in quanto soltanto con un investimento produttivo, esistono forme giuridiche che consentono al proprietario del denaro di ottenere un profitto.

La colpa riguarda con analoga gravità non solo chi presta il denaro, ma anche il fedele adempie al pagamento di un interesse. Ciò vale anche avendo contratto degli obblighi legali in Paesi di diritto non islamico.

Vari sforzi reinterpretativi hanno tentato di rendere meno categorico questo divieto, senza arrivare ad un nuovo orientamento dottrinario.

Perciò, il diritto islamico impone mutui a tasso zero dei quali usufruiscono i musulmani, che ne fanno richiesta anche in Europa.

In alcuni Paesi islamici non sono le banche locali a essere impegnate in questa attività; il denaro prestato è quello della zaqat, l’elemosina obbligatoria per tutti i cittadini e imprese di diritto islamico.



Lascia un Commento