Sanità low cost: Win, il paziente si cura da casa senza fili

Sanità low cost: Win, il paziente si cura da casa senza fili

Il dispositivo è stato ideato dagli studenti dell’Università Sant’Anna di Pisa

In questa fase politica si parla tanto di necessità di risparmi economici per la sanità. I bilanci di molte regioni infatti sono andati in rosso a causa delle spese enormi di una sanità che al tempo stesso non è però in grado di fornire un servizio all’altezza del suo ruolo. Alcuni studenti dell’Università Sant’Anna di Pisa hanno però dimostrato che è oggi possibile abbattere i costi della sanità utilizzando le più avanzate tecnologie informatiche e garantendo al tempo stesso una sanità dalle elevate performance.

Insomma un pool di studenti è riuscito a dimostrare che la sanità low cost può essere anche molto efficiente. Risparmio e efficienza sono i due punti forti di Win, acronimo di Wireless Integrated Network, la sturt up ideata da 5 ricercatori del Sant’Anna e da 2 manager nel 2009.

Ma cosa è e come funziona Win? In pratica si tratta di una rete che sfruttando le migliori tecnologie informatiche permette di monitorare i pazienti nella loro abitazione attraverso un sistema di sensori, evitando così lunghe degenze in ospedale. Concretamente i vantaggi di Win sono davvero tanti. Infatti attraverso questo dispositivo, dalle dimensioni di un blackberry, non solo è possibile garantire risparmi per la sanità, andando a ridurre il costo di degenza che in alcune regioni d’Italia è davvero elevato, ma è anche possibile garantire una sanità dal volto decisamente più umano. Psicologicamente infatti il paziente connesso a Win non verrebbe staccato dai suoi affetti ma continuerebbe a vivere nella sua dimora naturale.

Sanità low cost con WinTecnicamente Win funziona in modo molto semplice. Come ha spiegato il presidente Mazzeo, il paziente dovrà semplicemente indossare il dispositivo e immediatamente i dati inviati dai vari sensori collocati in punti specifici del corpo alla centrale operativa saranno valutati da un medico. Il paziente per azionare Win dovrà semplicemente premere il tasto di accensione.

Il lancio di Win ha permesso di dimostrare che una sanità low cost è possibile. Ad oggi sono ben 15mila le aziende sanitarie che utilizzano Win e nel 2010 la società ideata dagli studenti del Sant’Anna di Pisa è riuscita a fatturare oltre 700mila euro.



Lascia un Commento