I titoli migliori e peggiori alla borsa di Milano nell’ultima settimana

I titoli migliori e peggiori alla borsa di Milano nell’ultima settimana

L’andamento di Piazza Affari nella settimana appena conclusa

La giornata di lunedì 12 marzo 2012 è stata sicuramente molto contrastante per tutte le borse europee per via dell’ atteso annuncio dello sblocco del pacchetto degli aiuti da elargire alla Grecia affinché potesse salvarsi da un default che diversi analisti e compagnie di rating giudicano piuttosto probabile. L’indice Mib della borsa di Milano ha fatto segnare un -0,13% attestandosi a 16457 dovuto soprattutto alla conferma da parte dell’ISTAT di una flessione del Pil italiano dello 0,7% nell’ultimo trimestre nel 2011. Tra i migliori titoli della borsa di Milano ci sono senza dubbio Parmalat e Pirelli. Parmalat ha chiuso con un roboante +9,43% dovuto alle ottime notizie di bilancio giunte mentre Pirelli chiude con un +7,23. I titoli peggiori sono stati oltre Campari con -5,81% tutto il comparto bancario dove Monte dei Paschi di Siena ha ceduto il 4,96%, Banco Popolare di Milano l’1,47%, Intesa Sanpaolo l’1,64 e Unicredit l’1,32%.

Martedì 13 marzo ottimo rimbalzo della borsa di Milano che ha guadagnato il 2,08% portandosi a 16799 punti. Il motivo risiede in due ottime notizie. La prima è stata l’ok da parte dell’Unione Europea per il pacchetto di aiuto da 130 miliardi di euro concesso alla Grecia, la seconda è stata l’ottima asta in cui l’Italia è riuscita a piazzare circa 12 miliardi all’ottimo tasso di interesse dell’1,4%. Tra i titoli della Borsa di Milano i migliori sono stati Tod’s con un +7,17% e Buzzi Unicem +6,32%. Bene quasi tutti i titoli bancari soprattutto Banco Popolare con +4,96%, Intesa Sanpaolo +3,97% e Unicredit +3,90%. Tra i titoli peggiori segnaliamo una flessione di Parmalat che dopo l’exploit del giorno prima cede l’1,11% e MPS con -0,4%.

Mercoledì 14 marzo la Borsa di Milano ha fatto segnare soprattutto in mattinata un ottimo rialzo che nel finale di seduta si è andato attenuando chiudendo a 16850 con un +0,31%. Il trend positivo è dovuto anche all’esito più che buono dell’asta di BTP dove la richiesta è stata notevolmente superiore all’offerta con un tasso di rendimento che è sceso decisamente. Tra i migliori titoli della borsa vanno segnalate le buone performance di tutto il comparto bancario con MPS a +1,87%, Mediobanca a +1,54%, UBI banca +0,83% e via via tutte le altre. Bene anche Pirelli che ha guadagnato l’1% mentre tra i titoli peggiori della borsa ci sono Tod’s che ha ceduto il 2,90%, Bper con -2,53% ed Eni a -0,49%.

Positiva anche la giornata di giovedì 15 marzo nella quale l’indice Mib ha fatto segnare un +0,85% attestandosi a 16993 punti. Da segnalare le congratulazioni giunte dalla BCE per gli ottimi risultati che sta conseguendo l’Italia soprattutto in termini di spread, tra i titoli decennali tedeschi e i BTP, sceso fino a 283 punti base. Tra i titoli migliori della borsa ci sono state le ottime performance di STMicroelectronics con +5,05% ed Autogrill che ha guadagnato il 4,35%. Bene anche i bancari con Intesa Sanpaolo con +4,01%, Mediobanca +2,05% e Unicredit +1,23%. I titoli peggiori sono stati Premafin con la perdita del 5,40%, Impregilo con -2,51% e Banca Popolare di Milano che ha ceduto l’1,58%.

Anche l’ultima giornata fa segnare un rialzo per Piazza Affari che chiude con +0,52 raggiungendo quota 17081 punti che la riporta ai massimi dallo scorso Ottobre 2011. Bene anche lo spread che scende ancora toccando quota 280 punti base. I titoli migliori della Borsa sono stati Impregilo con un guadagno del 4,07%, Generali con +3,3%, Ferragamo con +2,50%, Eni +1,15% e Unicredit con un rialzo dell’1,27%. Male tutto il comparto bancario tra cui si segnalano UBI banca che ha perso l’1,75%, Banco Popolare con -1,63 e MPS che ha chiuso con un perdita dell’1,17%. Chiusura in negativo anche per Fiat con -1,26% ed Enel con -1,11%.



Lascia un Commento