Intel: crescita oltre le aspettative

Intel: crescita oltre le aspettative

Chiusura d’anno in positivo, ora si punta ad accrescere gli investimenti

Intel, la maggiore società produttrice di microchip, smentisce le previsioni degli analisti che avevano previsto una crescita modesta dell’utile societario a causa del calo delle attività nel settore hardware. Invece Intel ha mandato in archivio l’ultimo trimestre 2011 con un aumento dei profitti del 4.4%.

Il risultato per azione è stato di 0.68 dollari, molto al di sopra delle aspettative degli analisti che avevano messo in conto un eps molto meno corposo, pari a 0.61 dollari.  In netto rialzo anche i ricavi che si sono attestati a 13.9 miliardi di dollari, in crescita del 22% rispetto agli 11.5 miliardi del quarto trimestre del 2010. Anche in questo caso il dato ha di molto superato le previsioni del mercato che si era preparato per un giro di affari meno voluminoso, pari a 13.72 miliardi.

Il 2011 è stato un anno eccezionale per Intel”, ha dichiarato Paul Otellini, Presidente e CEO di Intel, “Grazie a una straordinaria capacità esecutiva, l’azienda ha ottenuto risultati eccellenti, facendo crescere il fatturato di oltre 10 miliardi di dollari e surclassando tutti i record precedentemente ottenuti a livello di fatturato annuo e risultati finanziari”.

La società è pronta a muoversi con più decisione nel 2012: nella rincorsa per accelerare lo sviluppo di chip competitivi per smartphone e tablet, Intel ha annunciato un consistente aumento degli investimenti che  saranno portati a 12.5 miliardi di dollari, con un incremento di circa 1.7 miliardi rispetto all’anno precedente.

Con l’obiettivo di migliorare la propria posizione nel settore delle vendite Pc e Hardware, Intel punterà tutto su una imponente campagna pubblicitaria per promuovere i nuovi laptop superleggeri basati sull’esclusiva tecnologia Ultrabook, che dovrebbe permettere ad Intel di competere ad armi pari contro il colosso Apple e i suoi iPad.



Lascia un Commento