Mutui: tipologie e caratteristiche indispensabili

80024_euro_coins_2.jpg
Nel’universo dei mutui e delle offerte di tassi più o meno alti è startegico capire le principali differenze tra i mutui prima di addentrarsi nelle loro caratteristiche.

Troverete qua di seguito una breve carrellata sui principali mutui.

MUTUO A TASSO VARIABILE E SUO AMMORTAMENTO
Nel mutuo a tasso variabile il tasso di interesse varia in relazione all’andamento di uno o più parametri indicati nel contratto di mutuo.
Questo prodotto ti consente di corrispondere, tempo per tempo, un tasso in linea con le variazioni delle condizioni di mercato.
È indicato se preferisci rate di mutuo variabili nel corso della vita del mutuo, in relazione all’andamento dei tassi di interesse di mercato.

Preammortamento: periodo iniziale del mutuo nel quale le rate pagate sono costituite dalla sola quota interessi.

Ammortamento: è il processo di restituzione graduale del mutuo mediante il pagamento periodico di rate comprendenti una quota capitale e una quota interessi

MUTUO TASSO FISSO
È un mutuo con il tasso che resta invariato per tutta la durata del prestito; le rate saranno pertanto tutte uguali, indipendentemente dall’andamento dei mercati finanziari.

La certezza di pagare sempre la stessa cifra e non andare incontro a variazioni di mercato viene in linea di massima remunerata alla banca al momento dell’erogazione del prestito, con l’applicazione di un tasso più elevato se confrontato con quello che, nello stesso momento, verrebbe applicato se il tasso di interesse fosse variabile.

Dopo i mutui più classici, qua di seguito vengono descritti in modo schematico i Mutui con opzioni o ammortamenti particolari

MUTUO TASSO MISTO
Nel mutuo a tasso misto il tasso di interesse può passare da fisso a variabile (o viceversa) a scadenze fisse e/o a determinate condizioni indicate nel contratto di mutuo.
Il mutuo ti consente di alternare, a tempi prestabiliti contrattualmente, gli effetti del tasso fisso e del tasso variabile.
Questo mutuo è indicato se preferisci non prendere subito una decisione definitiva sul tipo di tasso.

MUTUO CAP (O TETTO MASSIMO)
Il mutuo cap è un mutuo a tasso variabile con un limite massimo predeterminato oltre il quale il tasso d’interesse non potrà mai salire, anche se i tassi di mercato dovessero superarlo.

A chi è adatto? – Adatto a chi punta a cogliere le opportunità di ribasso dei tassi di interesse, ma desidera nel contempo contenere il rischio di eccessive oscillazioni dei tassi verso l’alto, che determinerebbero rate difficili da sostenere

Vantaggi – È collocato ad un tasso più basso, rispetto ai mutui a tasso fisso, offrendo in ogni caso una certa tranquillità.

Svantaggi
– È collocato ad un tasso più elevato rispetto ai mutui a tasso variabile. La garanzia accessoria offerta dalla Banca ha un costo, che si sostanzia in un aumento dello spread

MUTUO RATA COSTANTE
Mutuo che pur essendo regolato a tasso variabile, prevede il mantenimento di una rata fissa determinata al momento dell’erogazione. Le eventuali variazioni del tasso determineranno una variazione (in aumento o in diminuzione) della durata dell’ammortamento.

A chi è adatto? – A chi desidera cogliere le opportunità offerte dal mutuo a tasso variabile, senza correre il rischio di non poter sostenere il pagamento della rata.

Vantaggi – è collocato ad un tasso più basso, rispetto ai mutui a tasso fisso, offrendo in ogni caso la tranquillità data da una rata costante. In caso di diminuzione dei tassi si pagherà per una durata inferiore a quella inizialmente prevista

Svantaggi – in caso di aumenti dei tassi si pagherà per un periodo maggiore di quello inizialmente previsto.

MUTUO RATA CRESCENTE

In questo tipo di mutuo, anche nel caso in cui il tasso non subisca variazioni, il piano d’ammortamento prevede in ogni caso rate d’importo crescente. Le prime rate sono d’importo molto basso ed aumentano gradualmente, come previsto dalle clausole contrattuali. È un mutuo ideato per coloro che hanno un reddito basso, ma con previsione di miglioramenti nel futuro prossimo (promozioni, scatti d’anzianità, consolidamento di un’attività imprenditoriale o professionale ecc.).

A chi è adatto? – A coloro che sono agli inizi della propria carriera ed hanno aspettative di reddito in crescita o che, comunque, hanno esigenza di pagare rate di importo ridotto per alcuni anni.

Vantaggi – Rate iniziali basse.

Svantaggi – Le rate finali sono molto elevate.



Lascia un Commento