Contratto leasing strumentale: quanto dura?

Contratto leasing strumentale: quanto dura?

Tutto quello che c’è da sapere sullo strumento finanziario

Il leasing strumentale è un mezzo di finanziamento utilizzato da artigiani, imprese e liberi professionisti per l’acquisto di diversi tipi di macchinari e attrezzature industriali, commerciali e di servizi, come, per esempio, le macchine utensili (torni, presse, fresatrici), le macchine elettro-medicali (apparecchiature medico-dentali, chirurgia-laser ecc.), le macchine per l’edilizia (intonacatrici, betoniere, escavatori, bulldozer) ecc.

Si tratta, nella maggior parte dei casi, di contratti leasing per apparecchiature essenziali per lo sviluppo economico di un’impresa. Esiste una differenza tra il leasing strumentale e il noleggio. La locazione operativa o noleggio è un pagamento periodico per l’utilizzo del bene che non prevede a fine contratto il possesso del bene stesso da parte del cliente. Il leasing finanziario, invece, è una locazione che ha come obiettivo il riscatto dei beni e quindi la proprietà da parte del cliente attraverso il pagamento periodico di un canone.

La durata del contratto del leasing strumentale è in genere compresa tra i 48 e i 60 mesi, o comunque più in generale la durata minima è pari ai due terzi del periodo di ammortamento del bene, e ai fini IRAP aumenta l’imponibile per la quota interessi. La durata minima del noleggio invece è libera; non vi sono vincoli.

Il canone di locazione per il leasing strumentale può essere a tasso variabile o fisso, nel primo caso l’importo rimane costante per tutta la durata del contratto, mentre nel secondo il canone può variare. Il canone rappresenta il corrispettivo per la prestazione offerta dalla società di leasing al cliente e pertanto è soggetto a IVA.

 



Lascia un Commento