Cosa sono le start up?

Cosa sono le start up?

Quando nasce una nuova attività imprenditoriale

La parola start up indica l’avvio di un’attività di impresa, sia sotto il profilo temporale, sia sotto l’aspetto operativo. Si tratta di una fase estremamente delicata per ogni nuova azienda e spesso non semplice da superare. Molte imprese infatti cessano l’attività nei primi anni di vita a causa delle difficoltà nel trovare un assetto equilibrato e definitivo.

Durante la fase di start up si definiscono i percorsi organizzativi, le strategie produttive e le modalità di acquisizione delle risorse finanziarie, tecniche e umane, mediante la realizzazione di un business plan. Quest’ultimo rappresenta un piano degli obiettivi da utilizzare sia per la pianificazione aziendale, sia per la comunicazione esterna rivolta a possibili soggetti finanziatori. Tanto più chiaro e convincente è il business plan, tanto maggiori sono le possibilità per la nuova impresa di attrarre gli investitori.

Elementi indispensabili di un valido business plan sono la presentazione degli obiettivi e della tecnologia in dotazione alla nuova azienda, lo studio del mercato di riferimento, la descrizione del modello organizzativo, l’esposizione delle previsioni economiche e dei flussi di ritorno dell’investimento nonché l’analisi delle possibili criticità.

Le start up presentano un elevato grado di rischio, connesso, soprattutto, alle uscite economiche non compensate da entrate adeguate e alla difficoltà di ottenere finanziamenti da banche e istituti di credito, a causa delle scarse garanzie che le nuove imprese sono in condizione di proporre. Alcune aziende ritengono di procedere all’acquisizione del capitale necessario all’avvio della propria attività quotandosi in borsa.

Non di rado tuttavia un’impresa in fase di start up trova supporto alle proprie iniziative attraverso canali finanziari alternativi rispetto a quelli tradizionali. Una delle possibilità più sfruttate è il cosiddetto Venture Capital, ossia l’apporto di capitale da parte di un finanziatore interessato allo sviluppo di attività in settori a elevato potenziale di crescita. Al fine di scongiurare i rischi tipici dell’operazione, il personale dell’investitore lavora spesso in sinergia con l’impresa in start up, aiutandola a superare i passaggi più delicati.

start-up finanziamentiAltra possibilità di finanziamento è offerta dai cosiddetti Business Angel e cioè da soggetti privati che desiderano investire il proprio capitale in attività non prive di rischi, ma con elevato potenziale di rendimento. L’obiettivo di tale tipologia di investitori è quello di realizzare nel medio termine plusvalenze derivanti dalla cessione della quota di partecipazione di avvio.

 



Lascia un Commento