Come investire nel petrolio

Come investire nel petrolio

Un investimento nell’oro nero

Investire i propri risparmi è una scelta delicata e le soluzioni che offre il mercato sono tante e diverse: investire in borsa, in azioni o in opzioni, investire nel forex, o investire in oro, argento e diamanti. Un’altra forma d’investimento molto interessante riguarda le materie prime tra cui spicca sicuramente il petrolio.

La domanda dell’oro nero è in forte crescita soprattutto nei paesi emergenti come India e Cina che per sostenere le proprie industrie richiedono grandi quantità di crude oil. Cerchiamo quindi di capire come sfruttare questo mercato e in che modo trarre margini di guadagno da un investimento nel petrolio.

In primo luogo è bene precisare che si tratta di un investimento caratterizzato da una redditività nel medio lungo termine e da una propensione al rischio non sicuramente compressa verso il basso.

Per investire nell’oro nero si può effettuare una sottoscrizione di fondi comuni d’investimento settoriali (azionari o obbligazionari), oppure acquistare direttamente le azioni di qualche colosso energetico, come l’italiana Eni, o la Saras, o altri operatori internazionali, con un maggior rischio specifico a causa della nulla diversificazione del singolo investimento. Per aggirare il problema della diversificazione è possibile servirsi di un fondo o di un Etf che investa su un ampio portafoglio di materie prime che oltre al petrolio contenga ad esempio anche il gas.

Veniamo ora alla questione più delicata: investire oggi nel petrolio è conveniente? Secondo gli esperti l’oro nero rappresenta un’ottima formula d’investimento. La quotazione del petrolio dovrebbe mantenersi nei prossimi mesi sui 150$/160$ al barile per poi dare via a un altro trend al rialzo nel lungo periodo a causa di condizioni politico-economiche e di estrazione stessa della materia prima che renderanno l’oro nero sempre più prezioso.



Lascia un Commento