Leasing beni strumentali: che cosa significa?

Leasing beni strumentali: che cosa significa?

Una guida all’utilizzo del prodotto finanziario

Abbiamo parlato in un post precedente del leasing strumentale per le nuove aziende. Ci siamo accorti però che la nozione di leasing strumentale non era chiara per tutti. Torniamo quindi indietro spiegando punto per punto questo prodotto finanziario.

Il leasing strumentale è una forma di finanziamento flessibile che permette ai liberi professionisti e alle aziende di acquistare macchinari e beni produttivi atti allo sviluppo della loro attività commerciale. Si possono richiedere in leasing materiali utili d’ogni genere: dagli impianti (questi il più delle volte commissionati su misura) fino a macchinari di produzione per le stesse industrie del settore secondario, macchine tessili, mediche ed edilizie, non escludendo auto e mezzi pesanti.

I beni possono essere nuovi e usati, sempre controllati e valutati prima della loro proposta al cliente, di produzione nazionale o estera, per far fronte a tutte le esigenze e che il contratto di leasing possa essere concluso positivamente.

Per richiedere e ottenere il finanziamento è necessario superare alcune fasi, dove il cliente è sempre supportato e seguito dalla società finanziaria che lo concede.

Il primo passo è l’istruttoria, in altre parole è l’avvio della pratica; qui il concedente del leasing discute con il cliente sulle sue possibilità economiche e simulano il piano di ammortamento. Ciò significa che si valuterà l’affidabilità dell’utilizzatore e del corretto uso del bene. A volte è necessario stipulare assicurazioni oppure garantire il pagamento del bene tramite pegni o fideiussioni.

Il secondo passo è la conclusione del contratto di leasing, che prevede la firma del cliente e il versamento anticipato di una percentuale sul valore finale del bene. Una volta riscosso, la società di leasing ordina al fornitore il bene che è stato pattuito (cioé si impegna all’acquisto dello stesso). Questa fase si conclude con la consegna all’utilizzatore del prodotto (a volte con installazione e collaudo), il quale tuttavia rimane ancora proprietà della società finanziaria.

Leasing strumentaleIl contratto leasing si articola poi con il terzo passo, ovvero si avrà una rata da pagare mensilmente (a seconda degli accordi vi sono anche pagamenti bimestrali o trimestrali) per tutto il periodo di finanziamento scelto, solitamente tra i 48 e i 60 mesi. Alla fine del periodo del contratto il cliente può decidere di riscattare il bene e acquisirne la proprietà con un prezzo inferiore a quello di mercato.



Lascia un Commento