Vuoi aprire una gelateria? Pensa al leasing strumentale

Vuoi aprire una gelateria? Pensa al leasing strumentale

Usufruire degli strumenti necessari senza ingenti spese iniziali

Per chi vuole aprire una gelateria ma non ha abbastanza soldi per realizzare il suo progetto è utile sapere che esistono sul mercato finanziario opportunità diverse dal tradizionale prestito. Nello specifico esiste un particolare genere di leasing dedicato a chi ha bisogno di macchinari, attrezzature e arredamento per l’apertura della sua attività. Questo prodotto finanziario porta il nome di leasing strumentale: grazie a questa speciale forma di finanziamento, a fronte di un piccolo anticipo iniziale e del pagamento di un canone periodico, si può usufruire di tutti quegli strumenti necessari per lo svolgimento di un lavoro.

In pratica accade che un professionista che ha bisogno dell’arredamento e delle attrezzature varie per una gelateria, sceglie marca e modello di tutto ciò che gli serve e si fa fare un preventivo dal fornitore al quale si è affidato; superata questa prima fase, il professionista si rivolge quindi a un istituto finanziario che, valutato l’investimento in maniera positiva, acquisterà il tutto e glielo concederà in locazione per la durata del contratto di leasing, al termine del quale l’utilizzatore deciderà se acquistare o meno i beni strumentali riscattandoli.

Con il leasing strumentale si ha quindi la possibilità di disporre subito di attrezzature, macchinari e arredamento senza dovere affrontare ingenti spese iniziali: l’anticipo infatti corrisponde più o meno alla quota di un canone.

Leasing strumentaleIl canone periodico a sua volta può essere mensile, bimestrale, trimestrale e via dicendo; inoltre può essere fisso o variabile, e quindi crescente o decrescente: varia dunque a seconda delle necessità del cliente (si pensi a tal proposito alle attività prettamente stagionali, proprio come può essere una gelateria).

Per quanto riguarda infine la possibilità di riscattare i beni a fine contratto non è certo da sottovalutare: si diventa infatti proprietari effettivi del bene pagando un prezzo, stabilito in fase di stipula del contratto, che risulta essere il più delle volte inferiore al valore di mercato del bene stesso.

 



Lascia un Commento