Anagrafe tributaria: uno strumento per la lotta all’evasione fiscale

Anagrafe tributaria: uno strumento per la lotta all’evasione fiscale

Addio al segreto bancario e dati incrociati per individuare incompatibilità

Da oggi in poi per gli evasori sarà sempre più difficile aggirare il fisco. Arriva infatti l’Anagrafe Tributaria che consente all’Agenzia delle Entrate di annullare il segreto bancario e di incrociare i dati sui conti correnti con quelli relativi alla dichiarazione dei redditi al fine di individuare situazioni di incompatibilità rispetto ai dati finanziari forniti dal contribuente.

La misura era prevista dal decreto Salva Italia del dicembre 2011 del Governo Monti ed è stata approvata ieri 25 marzo con il provvedimento firmato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera. I primi dati inizieranno ad affluire a fine ottobre e saranno relativi al 2011. Poi a marzo 2014 quelli del 2012.

Ma cerchiamo di capire meglio in che come funziona l’Anagrafe dei rapporti finanziari. Grazie alla nuova disposizione gli istituiti di credito, le poste, gli sgr e sim dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate tutti i dati sui conti correnti e sugli investimenti effettuati dai propri clienti.

Nello specifico, la lista dei movimenti monitorati dal Fisco è molto ampia e comprende: il conto corrente, il conto deposito a risparmio libero o vincolato, titoli e obbligazioni, la gestione patrimoniale, i buoni fruttiferi postali, azioni, le cassette di sicurezza, i bancomat, i contratti derivati, le garanzie, i crediti, i finanziamenti, i fondi pensione, le partecipazioni, i prodotti assicurativi e l’acquisto di vendita di oro e metalli preziosi.

anagrafe tributariaManca solo l’indicazione riguardante i controlli sui conti scudati, quelli che in passato hanno utilizzato la sanatoria per il rimpatrio e la regolarizzazione di fondi esportati illegalmente all’estero. I tecnici rassicurando dicendo che una nota aggiuntiva arriverà a giorni.

L’anagrafe tributaria elimina quindi la privacy bancaria al fine di individuare irregolarità e combattere l’evasione fiscale.



Lascia un Commento