Mancato pagamento Canone Rai, sanzioni e interessi di mora

Mancato pagamento Canone Rai, sanzioni e interessi di mora

Il 31 gennaio scade, come ogni anno, il termine utile per il pagamento del Canone Rai, ossia della tassa imposta per il possesso di apparecchi in grado di trasmettere il segnale radio televisivo.

L’importo, nonostante le insistenti voci di aumento, che si erano rincorse nei mesi scorsi, è rimasto invariato rispetto all’anno scorso e ammonta quindi alla cifra di 113,50 Euro.

Sono rimaste invariate anche le modalità di pagamento, così come la possibilità di rateizzare l’importo in rate semestrali o trimestrali.

Cosa accade in caso di mancato pagamento entro il termine fissato? Premurarsi di regolarizzare la propria posizione è importante: il mancato pagamento del canone Rai può comportare un accertamento, ad opera delle autorità competenti che, nei casi più gravi (in cui si concretizza cioè l’evasione) può culminare nell’imposizione di una sanzione amministrativa massima di circa 620 Euro.

Onde evitare di incorrere in questa sanzione, è possibile provvedere al pagamento tardivo, corrispondendo, oltre alla somma dovuta per il canone, un importo a titolo di sanzione e interessi di mora, che varia a seconda del ritardo maturato.

Se l’utente provvede in un periodo di tempo inferiore ai 30 giorni, la sanzione è fissata a 1/12 della somma necessaria per il pagamento, calcolata su base semestrale, e ammonta quindi a 4,47 Euro;

Se la soglia temporale precedentemente indicata viene superata, la sanzione amministrativa raddoppia ed ammonta a 8,94 Euro, pari a 1/6 del canone per semestre.

Qualora il ritardo nel pagamento si prolunghi oltre i sei mesi, dovranno essere corrisposti anche gli interessi della mora, pari all’1% “per ogni semestre.

Qualora il contribuente non provveda al pagamento tardivo, si procederà prima ad un tentativo per il recupero bonario della somma dovuta ed in un secondo momento all’intervento per il recupero coattivo, mediante l’invio della relativa cartella esattoriale ad opera della concessionaria alla riscossione.

Canone RaiQualora si sia ricevuto un avviso di morosità, il pagamento del canone e della sanzione, può avvenire attraverso il bollettino di conto corrente postale, già compilato, che si trova allegato all’avviso.

In linea generale comunque, per il pagamento tardivo è necessario procedere al pagamento attraverso un bollettino di conto corrente 1107, intestato all’Agenzia delle Entrate:

“AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT

RECUPERO CANONI ABBONAMENTO TV “

Le sole maggiorazioni, devono invece essere versate sul conto corrente postale numero 104109, intestato a:

“AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT

SANZ. AMM.VE INTERESSI E SPESE”.



Lascia un Commento